Irpinia (AV)

L'Irpinia è una regione storico-geografica dell'Italia meridionale, di cui una parte è oggi ricompresa nella provincia di Avellino. Non è tuttavia coincidente con l'intera provincia, in quanto non ne fanno parte i comuni della Valle del Sele ricadenti in provincia di Avellino i territori del Baianese e del Vallo di Lauro, che rientrano nell'Agro nolano, e quelli della Valle Caudina, abitata dai Caudini: nella nazione dei Samnites, oltre agli Hirpini ed ai Pentri, rientravano i Carricini (o Carecini), i Caudini ed i Frentani. I Sanniti comunque sono un parto della mente degli scrittori latini, che originariamente non riuscivano a distinguere tra tali tribù e le definirono genericamente "Samnites". L'estensione dell'antica Hirpinia va ben oltre le attuali province di Avellino e Benevento, lambendo anche parte dell'attuale territorio della Lucania (Basilicata), Puglia e provincia di Salerno.


Geografia 
L’irpinia confina a nord con il Sannio, ad ovest con l'agro nolano e l’agro nocerino sarnese, a sud con la provincia di Salerno Valle del Sele e il Vulture e ad est con la Daunia. La regione si estende sulla parte centro-orientale della Campania, non ha un sbocco al mare e presenta un territorio prevalentemente montuoso. I suoi limiti naturali sono il Subappennino Dauno ad est, il corso del fiume Ofanto ed i Monti Picentini a sud, il massiccio del Partenio ad ovest, la Valle Caudina, il corso del fiume Ufita e la valle del Miscano a nord.

Il clima si presenta rigido d’inverno, quando non mancano le precipitazioni a carattere nevoso, ma relativamente mite d’estate. Nel corso dell'anno le precipitazioni sono molto abbondanti nella parte occidentale dove superano i 1.220 mm, meno in quella orientale dove a mala pena si arriva 600 mm.

Il territorio si presenta come un intrigo di valli ed alture, tra le quali si inerpicano numerosi fiumi e torrenti. Tra questi si possono annoverare il Calore Irpino, l'Ofanto. Il Calore attraversa il territorio trasversalmente in direzione sud-nord per circa 44 km (sugli 80 km totali del suo corso), dalle sorgenti, che si trovano a Bagnoli ad una quota superiore ai 1600 m s.l.m., fino ad arrivare nel beneventano dove confluisce nel Volturno. L’Ofanto nasce, invece, in “Alta Irpinia” nei pressi di Torella dei Lombardi, e percorre la parte orientale della regione per 68 km, prima in direzione ovest-est, formando il lago di Conza, per poi procedere verso nord nei pressi della confluenza con l’Atella, marcando il confine con la Lucania.
 
Monti nei pressi della stazione sciistica campana Laceno (AV)Altri corsi di rilievo sono il Sabato e l’Ufita, entrambi affluenti del Calore che nascono rispettivamente dai monti Terminio e Formicoso. Seguono, poi, il Cervaro, torrente pugliese che attraversa l’estremo lembo orientale della regione per 34 km ca., dando il nome all’omonima valle, ed il Calaggio, che dalle sue sorgenti, in agro di Vallata, attraversa l’Alta Irpinia per 28 km ca. prima di rientrare in territorio pugliese. I fiumi ed i torrenti testimoniano l’abbondanza di risorse idriche nel territorio, le quali vengono sfruttate per "dissetare" le regioni circostanti attraverso opere di canalizzazione. È questo il caso, infatti, delle sorgenti del Sele e dell’invaso di Conza della Campania, in parte utilizzati dall’Acquedotto Pugliese o del "Canale di Serino" utilizzato già in epoca romana per portare l’acqua nella piana campana.

Per quanto riguarda l’orografia del territorio, le cime più imponenti si ergono nella zona sud-orientale. È qui, infatti, che si trovano i monti Cervialto e Terminio, massicci di origine carsica rispettivamente di 1809 e 1783 m s.l.m.. Nell'area occidentale, invece, la conformazione è di origine argillosa. Per tale ragione i rilievi raggiungono altezze inferiori. Di questo territorio fanno parte la dorsale dell'Appennino dalla Sella di Ariano, passando per i rilievi della Baronia di Vico. La parte sud-occidentale della dorsale prende il nome di “Altopiano del Formicoso” ed ha un’altitudine media di circa 800 m s.l.m. Quest’area viene comunemente designata con nome di “Alta Irpinia”. Altri complessi montuosi di rilievo sono i Monti Picentini ed il Partenio.

I comuni principali dell'Irpinia sono Avellino, Ariano Irpino, Mercogliano, Solofra, Monteforte Irpino, Atripalda, Montoro Inferiore, Cervinara, Montoro Superiore, Grottaminarda, Gesualdo.

Cerca Strutture ricettive in Irpinia (AV)

| Agriturismo | Bed & Breakfast | Hotel | Case Vacanza | Campeggi e Villaggi | Ristoranti e Pizzerie | By Night & Locali tipici | Ville per Cerimonie |

Dove Soggiornare
Agriturismo Tre Colli
Agriturismo Tre Colli
Turchiciello, 19 - 83031
(Avellino)
Tel. 0039.0825/827130
Hotel San Gerardo
Hotel San Gerardo ***
Via del Santuario - 83040
(Avellino)
Tel. 0039.0827.58048
Agriturismo Regio Tratturo
Agriturismo Regio Tratturo
Contrada Camporeale, 157 - 83031
(Avellino)
Tel. 0039.0825.881407
Cose visitare
Comune di Visciano
Comune di Visciano
Visciano (Napoli)
Santuario di Montevergine
Santuario di Montevergine
Mercogliano (Avellino)
Lago di Conza
Lago di Conza
Conza della Campania (Avellino)
Comune di Monteverde
Comune di Monteverde
Monteverde (Avellino)
Palazzo de Peruta
Palazzo de Peruta
Avellino (Avellino)
Comune di Grottaminarda
Comune di Grottaminarda
Grottaminarda (Avellino)
Castelletto Parise
Castelletto Parise
Forino (Avellino)
Castello di Casalbore
Castello di Casalbore
Casalbore (Avellino)
Comune di Montella
Comune di Montella
Montella (Avellino)
Palazzo Caracciolo
Palazzo Caracciolo
Avellino (Avellino)
Comune di Cairano
Comune di Cairano
Cairano (Avellino)
Il Castello di San Martino V.C.
Il Castello di San Martino V.C.
San Martino Valle Caudina (Avellino)
Torre dell'orologio
Torre dell'orologio
Avellino (Avellino)
Collegiata dell'Assunta o di S. Pellegrino
Collegiata dell'Assunta o di S. Pellegrino
Altavilla Irpina (Avellino)
Comune di Castelfranci
Comune di Castelfranci
Castelfranci (Avellino)
Mappa