Capodichino (NA)

L'aeroporto internazionale di Napoli - Capodichino (già Aeroporto Militare del Campo di Marte), intitolato all'aviatore Ugo Niutta, è il secondo aeroporto del Sud Italia per numero di passeggeri complessivi (2007) dopo quello di Catania-Fontanarossa. Si trova a circa 6 km dal centro, a ridosso di una zona fortemente abitata. In particolare l'avvicinamento per la pista 06 implica il sorvolo a bassa quota di tutta la zona nord-occidentale di Napoli, area collinare della città.

È stato il primo aeroporto italiano ad essere privatizzato ed è gestito dalla Gesac, una società  controllata dalla britannica BAA (British Autority Airport), società  che gestisce anche gli aeroporti di Londra.

L'aeroporto si è attestato sui 5.603.000 passeggeri annui nel 2008 con un decremento del 2,3% rispetto all'anno precedente.

È composto da due terminal, di cui uno per voli charter. Il terminal 1 è interessato da una serie di interventi volti a fronteggiare il traffico, incompatibile con le attuali dimensioni dell'aerostazione. I 6 parcheggi, di cui uno (il P3) interamente sotterraneo con accesso diretto al terminal, dispongono complessivamente di 1408 posti auto.

Capodichino è raggiungibile da tutta la città  grazie all'uscita della Tangenziale di Napoli che raggiunge tutti i principali quartieri, e dal resto della provincia e regione grazie al collegamento diretto con le 4 autostrade che confluiscono a Napoli e alla circonvallazione esterna di Napoli e Asse Mediano che collegano i principali comuni del napoletano.

Il trasporto pubblico prevede numerose linee autobus a cui si aggiungerà  dal 2013 una stazione della Linea 1 della metropolitana, rendendone più semplice il raggiungimento da ogni punto della città  grazie alle interconnessioni con le altre otto linee su ferro.

Oltre alla possibilità  di raggiungere i maggiori aeroporti italiani come: Roma-Fiumicino, Palermo-Punta Raisi, Bologna-Borgo Panigale, Genova-Sestri Ponente, Milano-Linate, Torino-Caselle, Venezia-Tessera e Trieste-Ronchi dei Legionari, da Capodichino partono voli internazionali diretti alle maggiori capitali europee. Dal 2004 ci sono voli intercontinentali da Napoli a New York JFK.

Fra le attività che si concentrano sullo scalo napoletano:base AMI, Atitech-manutenzione aeromobili Alitalia, Alenia Aeronautica, Aeronavali.

Dati tecnici
È dotato di una pista, con orientamento 6-24, in conglomerato bituminoso con indicatore PAPI e ILS. 29 stands (apron 1), di cui 9 self-manoeuvring e i restanti Push-Back. Una via di rullaggio principale TS più i diversi raccordi d'uscita A, B, BC, C, D, E, F, G.

Capodichino (classe ICAO 4D) ha la qualifica di aeroporto militare aperto al traffico aereo commerciale nazionale ed internazionale, con agibilità  di 24 ore e chiusura ai voli charter dalle 11:00 pm alle 6:00 am ora locale. La media giornaliera dei voli è di circa 170 movimenti (decolli e atterraggi) al giorno.

Storia
La storia dell'aeroporto di Capodichino comincia all'inizio del secolo scorso; nel 1910 infatti, dove ora sorge l'aeroporto iniziano le prime esibizioni di velivoli sull'allora Campo di Marte, un ampio territorio pianeggiante già  impiegato in epoca borbonica come luogo per addestramenti ed esibizioni militari. Nel 1918 a causa della Prima Guerra Mondiale Capodichino diventa aeroporto militare per difendere la città  da attacchi aerei e tre anni dopo nel 1921 l'aeroporto viene intitolato al tenente Ugo Niutta. Solo nel 1950, l'aeroporto di Capodichino apre al traffico civile e da quella data inizia un continuo sviluppo dello scalo, culminato nel 1995 con la privatizzazione ed un piano di investimenti, per un valore di 145 milioni di euro. Lo stesso anno apre il Terminal 2 per voli charter e nel 2000 Carlo d'Inghilterra inaugura la nuova sala partenze.

Durante la Seconda Guerra Mondiale l'aeroporto viene usato intensamente dall'esercito americano (Air forces) per la Campagna d'Italia. La 12th Air Force lo usa come campo base, stazionando le seguenti unità aeree:

Quando le unità  da combattimento furono rimosse, il Comando Aviazione americano inizò ad usare l'aeroporto come hub principale per aerei cargo, per il transito di aerei e personale di ritorno dalle missioni.

Fonte: Wikipedia.it

Cerca Strutture ricettive in Capodichino (NA)

| Agriturismo | Bed & Breakfast | Hotel | Case Vacanza | Campeggi e Villaggi | Ristoranti e Pizzerie | By Night & Locali tipici | Ville per Cerimonie |

Dove Soggiornare
B&B I Colori di Napoli
B&B I Colori di Napoli
Via S.Arcangelo a Baiano, 24 - 80138
(Napoli)
Tel. 0039.081.5872607
Hotel Rea - Meeting & Congressi
Hotel Rea - Meeting & Congressi ***
Via Nazionale delle Puglie, 2 - 80013
(Napoli)
Tel. 0039.081.8421263
B&B Quattro Palazzi
B&B Quattro Palazzi
Via Eletto Starace 7 - 80138
(Napoli)
Tel. +39.081.403036 - +39.333.3794296
Cose visitare
Città di Napoli
Città di Napoli
Napoli (Napoli)
Vulcano Buono
Vulcano Buono
Nola (Napoli)
Comune di Casalnuovo di Napoli
Comune di Casalnuovo di Napoli
Casalnuovo di Napoli (Napoli)
Piazza Giuseppe Di Vittorio
Mappa